Tab social
Spazio Soci
Facebook
Twitter
Flickr
Youtube
 
titolo

News

 
12/12/2011 Dalla BCC
Agricoltura e cibo. 15^ edizione del concorso scuola.

La Coldiretti di Pordenone con Coldiretti Donne Impresa ha presentato il concorso scuola rivolto agli studenti degli istituti scolastici della provincia di Pordenone.
Agricoltura e cibo è il tema proposto al mondo della scuola per la quindicesima edizione dell’iniziativa.
All’incontro sono intervenuti Cesare Bertoia presidente Coldiretti Pordenone, Patrizia Bomben responsabile provinciale e regionale di Coldiretti Donne Impresa, il presidente della Camera di Commercio di Pordenone Giovanni Pavan, il presidente della Bcc di San Giorgio e Meduno Lino Mian, Fabiola Stuto del Servizio igiene degli alimenti e della nutrizione dell’Ass n. 6 Friuli Occidentale, Annamaria Franzolini referente per l’educazione alla salute Ufficio scolastico regionale per il Friuli Venezia Giulia Ambito territoriale di Pordenone, Gianna Buongiorno di Slow Food Pordenone e John Kariuky, vice presidente di Slow Food International, mentre per lo Ial scuola alberghiera di Aviano è intervenuto il direttore Luciano Moro.
La Bomben in apertura ha spiegato come il concorso rientri nell’ambito del progetto Educazione alla campagna amica che da anni Coldiretti con Donne Impresa propone per rafforzare il legame tra mondo agricolo e quello della scuola.
“Agricoltura è cibo –ha spiegato la Bomben- è il tema che abbiamo scelto perché siamo convinti che oggi l’agricoltura non produca solo prodotti agricoli ma cibo nella sua articolazione più ampia che riguarda l’alimentazione, la salute, l’ambiente comprese –ha concluso-  l’integrazione culturale”.
Anche Bertoia ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa. “Il concorso –ha spiegato- fa parte della progettualità di Coldiretti a difesa dell’agroalimentare made in Italy”.
Bertoia ha poi parlato delle collaborazioni. “Il sostegno della Camera di commercio e della Bcc San Giorgio e Meduno –ha sottolineato- è fondamentale per organizzare il concorso così come il coinvolgimento dell’Azienda sanitaria, dell’ufficio scolastico, dell’Istituto superiore di Spilimbergo e di Slow Food è determinante –ha concluso il presidente- per continuare a cogliere gli obiettivi che abbiamo saputo conseguire in tanti anni”.
Dal canto suo Pavan ha sostenuto come l’agricoltura abbia riaffermato la sua centralità nell’ambito economico. “È nostro dovere –ha detto- valorizzare le nostre produzioni e l’agricoltura è un settore che rappresenta bene questo percorso di promozione. Il concorso scuola –ha aggiunto- è un veicolo per formare questa mentalità nei confronti delle giovani generazioni. Il nostro impegno –ha detto infine- continuerà per raccogliere tanti altri risultati”.
“Per una banca del territorio è un dovere sostenere un progetto di spessore come quello di Coldiretti”. Così si è pronunciato il presidente della Bcc San Giorgio e Meduno Mian, istituto di credito che da anni sostiene il concorso. “Riavvicinare i giovani alla terra –ha proseguito- è un investimento per l’intera società, perché significa –ha concluso- riflettere sui bisogni reali delle nostre comunità”.
La Stuto del servizio igiene degli alimenti e nutrizione dell’Ass 6 ha posto l’accento sulla prevenzione alla salute basata su uno stile corretto di alimentazione. “Il vostro concorso –ha sottolineato- coglie gli obiettivi che da anni perseguiamo nelle scuole. Oggi –ha affermato- promuovere una alimentazione sana con un adeguato movimento è la ricetta giusta per combattere l’obesità nell’età infantile e non solo”.
La Franzolini referente per l’educazione alla salute dell’ufficio scolastico ha spiegato come il tema del concorso colga in pieno i recenti indirizzi dettati dal ministero all’Istruzione. “Siete precursori di un lavoro dove le istituzioni hanno deciso di lavorare per il prossimo anno scolastico. La vostra iniziativa –ha aggiunto- è una esperienza che esprime un nuovo modo di pensare dove alla storia e alle tradizioni si aggiungono attenzioni e competenze e quindi –ha detto infine- formazione a disposizione degli studenti”.
Per Slow Food è intervenuta la Buongiorno che ha posto l’attenzione su come gli obiettivi dell’associazione che rappresenta, si coniughino con quelli di Coldiretti. “Non ci resta che lavorare insieme –ha dichiarato-. Metteremo a disposizione le nostre esperienze per cogliere finalità comuni”.
Mentre Kariuky, vice presidente di Slow Food International ha illustrato il progetto dei mille orti, un programma che da circa un anno stanno realizzando in Africa. A questo proposito si è complimentato con Coldiretti per il concorso scuola.
Infine è intervenuto il direttore dello Ial istituto alberghiero di Aviano che ha sostenuto come sia importante trasmettere conoscenze alle nuove generazioni. “Per noi è una grande opportunità. Siamo a disposizione –ha annunciato- perché attraverso la valorizzazione delle produzioni locali, sapremo innovare le tradizioni e quindi rendere moderno ciò che la storia ci ha lasciato”.
Le iscrizione al concorso dovranno essere trasmesse entro il 15 dicembre. L’invito e il regolamento con la scheda di adesione si possono scaricare anche dal sito della Coldiretti al seguente indirizzo: www.pordenone.coldiretti.it.